Bama Pet Cani Anziani Occhi

La convivenza con l’umano ha fa si che la vita dei nostri animali domestici si sia molto allungata e che per tanto possano comparire più frequentemente alcune patologie connesse alla vecchiaia. 

Occupiamoci delle modifiche legate alle strutture oculari. 
Una delle più frequenti è la nucleosclerosi senile che compare proprio in soggetti anziani ed è scambiata spesso per cataratta, che è invece una opacità non fisiologica del cristallino.  La nucleosclerosi, come dice il nome è un “indurimento” = sclerosi della lente, dovuto al continuo depositarsi delle fibre lenticolari prodotte durante tutta la vita e accumulate in modo concentrico le una sulle altre.  E’ normale pertanto che la sovrapposizione comporti nel tempo l’opacamento della lente.

Altra trasformazione è data, al contrario, dal progressivo assottigliamento dello spessore dell’iride (la parte circolare e colorata dell’occhio),  detta atrofia senile iridea.

Si può notare con l’apparizione di macchie scure e fino a veri e propri “fori” nell’iride con quadri a volte impressionanti detti “merlettate”. La capacità visiva non è alterata anche se per mancanza parziale dell’ iride potrebbe esserci un riflesso pupillare diminuito o assente.

Infine le cisti uveali, che si manifestano più spesso in vecchiaia che in giovane età e compaiono dietro all’iride, per cui è difficile riuscire a vederle senza gli strumenti opportuni.
Alcune razze, Alano, Golden Retriever e Bulldog,  sembra siano più predisposte. Possono comparire in un solo occhio o in entrambi, essere libere oppure adese alle strutture circostanti e per tale motivo alterare le normali strutture oculari tanto da potere essere responsabili della comparsa di glaucoma o uveiti.

Ancora una volta osservare attentamente il proprio amico a quattro zampe è importantissimo . Se notate una macchia “strana” nell’occhio provate a fotografarla e a verificarne l’andamento nel tempo. Se questa cambia velocemente di forma o dimensione o se ne comparissero altre, rivolgetevi al Medico Veterinario di vostra fiducia.

Per poter diagnosticare correttamente le tre malattie descritte e differenziarle da altre, anche molto gravi, consiglio sempre la visita oculistica di un collega esperto.