5-ottobre-rogne

Le rogne sono un gruppo di patologie diffuse sia nel gatto che nel cane, ma anche in moltissimi altri animali (uomo compreso) sostenute da piccolissimi parassiti della famiglia degli acari.

A seconda delle loro caratteristiche, questi parassiti si possono trovare sia sottocute (come la Rogna Sarcoptica da Sarcoptes Scabiei nel cane, o da Notaedres Cati nel gatto e la Rogna Demodettica da Demodex Cati e Canis), che esternamente (come nel caso della Otodectica da Otodectes cynotis che causa l’otite parassitaria sia nel cane che nel gatto).

Il contagio avviene sempre per contatto diretto tra animali malati e sani: la condivisione di cucce, l’azione del gioco, il passaggio su materiali contaminati possono esserne la causa. Il contagio può avvenire anche tra mamma e cuccioli, tipico per la Demodettica. I sintomi sono molto evidenti, soprattutto nella Rogna Sarcoptica e in quella Otodectica, a causa dell’intenso prurito che producono i parassiti e alla reazione allergica che si verifica nell’animale colpito.

Il parassita Sarcoptecs, per esempio, scava veri e propri tunnel sottocutanei deponendo le uova, che si trasformeranno in larve e parassiti adulti con un ciclo completo di 17-21 giorni. Questo fattore, e la reazione dovuta al grattamento continuo, causano l’aspetto rosso e crostoso della cute soprattutto nelle zone dei gomiti, garretti, addome, e ai margini dei padiglioni auricolari. Se non curata per tempo, oltre a un aggravamento dei sintomi, si possono verificare anche gravi infezioni batteriche secondarie fino alla setticemia.

La Demodettica, invece, è un tipo di rogna più tipica dell’infanzia proprio perché viene trasmessa dalla madre. È causata da acari filiformi che vivono all’interno dei bulbi piliferi e ghiandole sebacee. Compare con aree alopeciche (cioè senza pelo) e pustole che si trovano, in genere, sul muso e intorno agli occhi causando prurito. Nei casi non gravi, questo tipo di rogna può risolversi spontaneamente, anche se nei momenti di stress o di immunodeficienza potrebbe ricomparire in forme grave.

Infine la Rogna Otodettica, data da piccoli acari che si localizzano nelle orecchie, è molto pruriginosa. Per alleviare il sintomo, i soggetti colpiti possono arrivare ad auto-lesionarsi il padiglione auricolare grattandosi o sfregandosi contro oggetti. Se non curata per tempo, può causare la perforazione del timpano, fino ai casi gravissimi in cui vi è la compromissione delle meningi e attacchi epilettici.

Per tutti i tipi di rogne è fondamentale il riconoscimento del parassita. Per le prime due tipologie si procede con il raschiato cutaneo, anche attraverso l’uso del bisturi (soprattutto per il Demodex che si localizza in profondità) e alla visione del materiale raccolto al microscopio.
Per la terza tipologia, si procede alla raccolta del parassita pulendo normalmente l’orecchio. A volte basta la sola luce dell’otoscopio che causando maggiore mobilità degli acari aumenta il prurito nell’animale colpito e dà la certezza della diagnosi.

Per tutte c’è una cura adeguata, impostata sempre dal Medico Veterinario che valuterà le condizioni generali e deciderà se iniziare anche una terapia antibiotica, reidratante o altro. La guarigione, a parte casi aggravati anche da altre patologie o ormai cronici, è sempre possibile.